martedì 22 marzo 2005

PROFUMO DEL PASSATO/16


RISULTATI SUL PLEBISCITO FASCISTA -
Questi sono i risultati delle votazioni effettuate domenica scorsa 24 marzo.
Aosta: iscritti alle liste 6.295, votanti 5.994. I 'SI' sono stati 5.985 e 9 i 'NO'.
Chambave: iscritti 688 , votanti 613. I 'SI' sono stati 613 e nessun 'NO'.
Chatillon: iscritti 972, votanti 915. I 'SI' sono stati 914 e i 'NO' 1.
Su 40 sezioni - alcuni Comuni sono raggruppati - in 22 di questi non si è registrato nessun 'NO'. Il più alto dissenso si è ottenuto a Verres dove su 1.157 iscritti e con 912 persone votanti, 902 sono stati i 'SI' e 10 i 'NO'. In tutta la Valle d'Aosta i 'SI' sono stati 24.960 e i 'NO' 49.
(Le Mont Blanc. Marzo 1934)
-----------------------------

INSERZIONI A PAGAMENTO -
- Madre con tre graziosi bambini, prenderebbe in allattamento un bambino, circondandolo di tutte le cure materne. Grande pulizia e prezzi moderati. Scrivere al giornale.
-
Si vendono con relativi addobbi tre carri funebri. Rivolgersi al signor Enrico Porro a Pré Saint Didiér.
- Lotteria di Tripoli. Con sole 12 lire potreste vincere 6 milioni!

(Le Mont Blanc. Ottobre 1934)
------------------------------

LA STRADA DEL CERVINO E' UN OPERA COMPIUTA -
Domenica 28 ottobre, anniversario della Marcia su Roma, Sua Eccellenza il Prefetto della nostra Provincia accompagnato dalle più alte cariche e da tutte le organizzazioni fasciste della Valle, ha aperto ufficialmente il traffico sulla nuova strada che conduce a Valtournanche ai piedi del Cervino. Immediatamente dopo la cerimonia austera preceduta dal saluto al Duce e dai canti della rivoluzione, un lungo corteo di macchine si è recato al Breuil. La superba opera iniziata il primo ottobre del 1931 per decisione del Capo del Governo, è costata quasi 2 milioni e mezzo di lire. Oggi questa arteria è un fatto compiuto.
(Le Mont Blanc. Novembre 1934)
---------------------------------

ASSURDO E INSPIEGABILE DUPLICE OMICIDIO A SIGNAYE -
A scatenare la furia omicida è il gioco delle carte. Il tragico fatto si è compiuto nella notte tra il 15 e il 16 luglio nella cantina dei Castagneti. Due amici, J.C. di Alfonso e P.A. di Damien, ambedue 27 anni, di ritorno dal lavoro ad Aosta si erano attardati al Castagneti disputando numerose partite a carte con il proprietario della cantina, certo C.P. di 37 anni. La fortuna li aveva favoriti a discapito dei loro avversari, che fortemente innervositi dalle loro ripetute sconfitte, improvvisamente li colpivano a colpi di coltello. Trasportati all'ospedale di Aosta, i due soccombevano alla gravità delle numerose ferite. Il proprietario della cantina è stato subito arrestato. I funerali delle vittime si sono svolti giovedì scorso con la partecipazione di una folla numerosa, profondamente colpita da questo dramma inqualificabile.
(Le Mont Blanc. Luglio 1935)
----------------------------

1 commento:

Uno che passava... ha detto...

E poi dicono che il fascismo fu imposto e mai accettato! Guarda i risultati del plebiscito!!
Firmato: uno che passava...